Si sente la pioggia

Scandisce il tempo,
gocce dopo gocce,
per l’ombra
ch’ondeggia.

Il suo spettacolo
cangiante,
è per me.

La sua danza,
Inquieta,
come me.

Come il vento,
che s’infrange
in sibili.

E si agita
così tanto,
per nulla.

Si sente la pioggia:
ecco che annegano
i pensieri.


Federica Contento

@Narumi942

Annunci

Come si fa?

Come si fa?
A non volerti abbracciare,
ora che non ti fai vedere
perché hai bisogno
di piangere.

Come si fa?
A non incazzarsi con la vita,
quando ti volta le spalle,
perché è egoista
e lo sa.

Oh,
sì che lo sa,
ma sa ingannare…
Ed io la prego
e lei ascolta
i nostri lamenti
senza lacrime.

Perché, in fondo, come si fa?
A non desiderare una bugia
che riesca a scaldare
l’ultimo gelo
di speranza.


di Federica Contento

@Narumi942

Raccontami

Raccontami
chi eri e sei,
la storia dei timori
che non vuoi,
i “se “ed i “ma
della tua vita,
tutti quei “forse
che non la fan finita:
e se mi racconti
la bugia del tempo
che lascia tutto
in un sentiero,
senza che ti sfiori
il benché minimo
pensiero, dimmi
chi sei e sarai,
perché questa storia
non mi stanca mai.


Federica Contento

@Narumi942

Ricordi smarriti

Tra i ricordi smarriti
impolverato se ne sta
Il tuo riflesso.

Sai che ho riesumato
quella tua sciarpa orribile,
nascosta nel mobile?

Mi ha chiesto di chiederti
come te la passi adesso
e se mi hai perdonato…

E di dirti che per te
spera quella felicità
che non potevo darti.


Federica Contento

@Narumi942

Quantifichiamo

Guardala come vuoi,
eppure molto ma poco
è il tempo per noi:
ancora ora il labirinto di fuoco
dei miei pensieri
instaura triste un gioco
con le allucinazioni del cuore,
e non posso tacere.

E meno male
che non sono  romantica:
ancora ora cammino piano
intrecciando le parole,
mi rubo sempre il tempo che ci vuole 
a dirti quel che so
di questo poco ma molto
tempo di noi.

 


di Federica Contento

@Narumi942

Anche se è tardi

Ringrazio di cuore Dora per la lettura nella sua trasmissione di una delle mie poesie più sentite…

https://www.spreaker.com/user/dora/puntata-speciale-le-vs-poesie-ottobre-20_1

https://wp.me/p76cQl-5D

Anche se è tardi,
ti aspetto
stanotte
in un sogno…
Ti lascerei sguazzare
fra le mie inquietudini
e attendere con me
il sapore dei guai.

Posso figurarmi
il tuo sorriso
senza tempo
e senza forma:
un nuovo gioco
all’ombra di un cortile,
ed un gelato,
sapore di limone,
mano nella mano.
Poi una pernacchia
ed una carezza
non sarebbero male,
ma m’andrebbe bene pure
un litigio in più.

Anche se è tardi,
ti aspetto dunque
stanotte…
Ma qui c’è solo
la tua assenza,
ed io osservo
le luci
e le ombre
nel loro lento viavai…

Mi ricordano la culla
che non ti ha cullato
E l’abbraccio
che non t’ho mai dato.

Ed anche se è tardi,
lo sai,
se ci fossi,
non tremerei,
né resterebbe
la bramosia
d’un’esistenza
ch’io vivo
ma che spettava anche a te.

Dimmi, fratello,
a te dispiacerebbe?

La vita con te non fu equa.

di Federica Contento
@Narumi942

Piango e rido

E ti ricordi…
Quella mia mano
dentro la tua,
sai, mi inglobava…
e con il dito
salivo piano
tutte le rughe,
immaginando
percorsi ignoti
e solitari.

E ti stupisci…
di quella mano
dentro la mia,
ormai inglobata…
e con lo sguardo
cerchi il mio viso
in un sorriso,
ricordandoti
quanto furono
anzi affollati.

E poi ci penso,
e più ci ripenso…
più piango e rido.


Federica Contento

@Narumi942

Auguri a noi

In questa prima mia ora
del primissimo giorno
dell’anno più stupido

il mio anno, dicono

Un po’ più larga mi calza
questa vitaccia stramba
che vesto per noi due:

Qui nel mondo, sai
ce n’era di spazio
e un po’ di tempo
anche per te…

E non mi resta
che spezzare
la fiamma ormai smorta
d’un’ormai vano desiderio.


Federica Contento

@Narumi942

Creato su WordPress.com.

Su ↑